Sei il benvenuto, in questo blog troverai numerosi documentari che hanno come unico scopo la ricerca della verità. Ti invito a consultarli liberamente ed a commentarli: buona visione.
Attenzione: i documentari proposti in streaming sono sempre attivi, se alcuni risultassero invece non attivi, non funzionanti o del tutto invisibili potrebbe essere necessario cambiare i DNS, per sapere come fare clicca qui sotto.

Per vedere i documentari con la pubblicità basta cliccare su "Close ad and continue as Free User" e poi su "Start the video" chiudendo i pop-up che si apriranno. Sono certo che capirete che questo mi permette di mantenere i video on-line gratuitamente. Consiglio l'uso del componente aggiuntivo Adblock Plus o similare che vi permetterà di togliere automaticamente tutta la pubblicità. I documentari sono tutti disponibili per il download gratuito, basta cliccare sul pulsante.

giovedì 17 ottobre 2013

Celestial

La Luna è il corpo celeste a noi più vicino e più visibile, tutti l’abbiamo vista e contemplata e tutti sappiamo com’è fatta: grigia e deserta. Ma non tutti sono di questo avviso. Bill Bryson è un astronomo amatoriale che ha appositamente assemblato un telescopio per essere in grado di avere una visione della Luna il più fedele alla realtà possibile, in grado di poterla vedere in modo nitido attraverso l’atmosfera terrestre ma anche, e soprattutto, in grado di percepire i colori del nostro satellite naturale. Le registrazioni digitali di ciò che Bryson osserva con il suo telescopio sono però davvero singolari perchè la Luna non appare per nulla grigia ma colorata. In realtà esistono immagini ufficiali della Luna con una definizione piuttosto buona, sono le immagini riprese dalla sonda Clementine nel 1994 che ha scandagliato l’intera superfice lunare, consultabili in modo libero sugli archivi messi a disposizione della NASA. Queste foto a colori, opportunamente ricalibrate da Josè Escamilla in questo affascinante documentario, mostrano una Luna sorprendente in cui non solo i colori abbondano ma non sembra nemmeno quel corpo celeste arido e disabitato a cui siamo stati abituati a pensare. Strutture imponenti, cupole traslucide, corpi fluttuanti, torri alte chilometri e tutti i segni di una civiltà che sembra sia stata in grado di realizzare opere per noi impensabili, tutte “anomalie” presenti su fotografie ufficiali. La prossima volta che sentirete parlare di organismi unicellulari trasportati dalle comete ed in grado di diffondere la vita sui pianeti, forse, sorriderete.


0 commenti:

Posta un commento