Sei il benvenuto, in questo blog troverai numerosi documentari che hanno come unico scopo la ricerca della verità. Ti invito a consultarli liberamente ed a commentarli: buona visione.
Attenzione: i documentari sono tutti disponibili per il download gratuito, basta cliccare sul pulsante. Se occorresse cambiare i DNS clicca sul pulsante qui sotto per sapere come fare.

mercoledì 23 novembre 2016

Vaccinati: Dall'Occultamento Alla Catastrofe ( Vaxxed: From Cover-Up To Catastrophe )

E' un documentario molto discusso. Se lo è perchè riporta dati non corretti (ma chi afferma questo è proprio l'organo americano che ne sarebbe profondamente danneggiato perchè accusato di avere coperto la dannosità dei vaccini in questione) oppure perchè ha smascherato la collusione tra le grandi aziende farmaceutiche e le strutture pubbliche che dovrebbero essere preposte al loro controllo, sta a voi giudicarlo. Di certo, la censura non è mai positiva. I fatti riportati dal documentario sarebbero in effetti piuttosto gravi. Il deus ex machina in questione è il dottor William Thompson, scienziato in forze al CDC americano (centro per il controllo e la prevenzione delle malattie), praticamente l'organismo che ha il compito di controllare e garantire la sicurezza e l'efficacia dei farmaci in commercio negli USA. Spinto dai rimorsi, Thompson ha deciso di parlare della copertura di prove, dell'omissione di dati e della manomissione di test effettuati dal CDC su alcuni vaccini, in particolare su quello trivalente MPR (contro il morbillo, la parotite e la rosolia) al fine di non ostacolarne il commercio anche se "sospettati" di favorire l'autismo soprattutto se somministrati in alcune fasce d'età. In realtà, se così fosse, sarebbe da determinare se a casuare l'autismo siano davvero i vaccini oppure le sostanze in cui sono diluiti come i conservanti, ad esempio. Di certo, la visione di questo documentario dovrebbe essere diffusa come tutte le informazioni utili a fare nascere dibattiti costruttivi. Ovviamente, così non è stato.

0 commenti:

Posta un commento